Christian Cristofori

Nasco nel 1981 a Salorno, il paesino più a sud dell'Alto Adige, che proprio quell'anno viene colpito da una tremenda alluvione. E già qualcuno dice che portavo sfiga...

E se a questo punto ve lo state chiedendo la risposta è "no, non sono tedesco". Sono nato in una famiglia italiana, mi reputo italiano e adoro la lingua italiana. Conosco il tedesco perché mi è stato insegnato sin dall'asilo ed ho amici, conoscenti e parenti tedeschi. Ma sono un italiano.

Nel 2000 mi diplomo a Bolzano come ragioniere programmatore, l'unico motivo per cui scelsi quella scuola era proprio che nel diploma mettevano la parola "programmatore", poi per saltare la naja mi iscrivo l'ultimo giorno utile ad un corso post-diploma organizzato dal Fondo Sociale Europeo.
Avevo trovato un annuncio sul giornale locale ed il titolo mi trasse in inganno "Tecnico Informatico in Sistemistica di Supervisione". Ero l'unico ragioniere programmatore presente, tutti gli altri erano usciti dall'ITI... comunque rientrai tra gli ammessi al corso di cui ancor oggi mi domando il significato del titolo.

Riesco a finire il corso, ma prima mi spediscono in stage per tre mesi in un'azienda di Modena dove dopo due settimane mi fanno una proposta per restare - ovviamente approfittano dei tre mesi pagati dai contribuenti per sfruttarmi un po' - poi mi assumono davvero.

Nel 2003 cambio aria: lascio Modena per trasferirmi a Carpi (che è in provincia di Modena) dove come un pazzo mi metto in società con altre persone.

Esco al più presto da quella società e mi metto in proprio: da allora mi sono spostato per il nord Italia, ma sempre tenendo come base l'Emilia Romagna:
fino a quando capisco di non avere il pelo sullo stomaco per essere un imprenditore di successo e decido di rimettermi a lavorare come dipendente per un'azienda nell'automazione industriale di Mirandola (sempre provincia di Modena).

Dopo qualche anno ricevo un'offerta di lavoro - di quelle che non si possono rifiutare - dal mio attuale datore di lavoro e mi trasferisco a Ferrara.

Adoro il Delphi, ma anche C, C++, Visual Basic, Java, ASP, PHP, JavaScript ed Assembler... insomma, datemi in mano un qualcosa che vi sollevo qualcos'altro.

Buongiorno Signor Bianco

Dopo un primo incontro conoscitivo con un’azienda che ci chiede di sviluppargli il sito collegandolo però al loro gestionale di magazzino, il grafico prepara un primo mockup, mentre io mi butto a capofitto a scrivere un progetto di integrazione ed una distinta di lavoro per la realizzazione del sito.

Una delle richieste è un po’ ostica: supporto alle lingue italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo e russo. Spaventati da tante lingue straniere concordiamo con la proprietà dell’azienda che faremo tradurre la parte testuale del sito ad un’azienda che offre servizi in tale senso e che i nomi dei prodotti a magazzino li tradurranno loro, essendo comunque materiale tecnico con traduzioni ben specifiche e da loro conosciute.

Read More

La segretaria dal piedino lesto

La segretaria dal piedino lesto

La segretaria personale del dirigente di una grossa azienda a cui fornivamo assistenza tecnica sul parco macchine informatico ed alcune soluzioni software, ci fece passare proprio un bel periodo nella primavera del 2005…

Il suo computer era già sotto gruppo di continuità (le ragioni le trovate nella storia del backup su floppy disk) eppure ci veniva segnalato che ogni tanto, come se saltasse la luce, il computer si spegneva e poi si riaccendeva.

Read More

Il PdM che fece nevicare.

Sabato 26 novembre 2005, un giorno che non riuscirò mai a dimenticare: quel giorno verso le 11 di mattina sull’Emilia Romagna cominciò a venir giù tanta neve da bloccare interamente le città di Bologna e Modena. Anche il resto della provincia non si salvò ed io fui la causa di quella gigantesca nevicata.

A quel tempo – non avevo nemmeno 25 anni – ero appena entrato in società con degli altri ragazzi a Carpi. L’azienda forniva assistenza informatica ad aziende in tutto il nord Italia. Nella sera di quel venerdì si verificò un gravissimo problema sul gestionale di una grossa azienda ad Anzola dell’Emilia, per cui decisero democraticamente di mandare me il giorno dopo.

Eccovi il resoconto di quell’epica impresa. Read More

Software… scaduto, ferie… idem.

Racconto questo aneddoto così come cheap nfl jerseys mi è stato raccontato da chi lo ha vissuto e… da chi lo ha causato. Esso dimostra che qualche effetto il Millennium Bug lo ha veramente avuto. Nella fattispecie, in un’azienda veniva sviluppato un software legato a dei macchinari di produzione, quindi ogni bug che affliggesse questo software era critico in quanto bloccava macchinari ed impianti da centinaia di migliaia wholesale nfl jerseys di Euro trenches di investimenti.

Millennium bug in progress...

A protezione del software, che a sua volta di riflesso valeva cheap nba jerseys migliaia di Euro, era posta una chiave hardware di protezione su una porta parallela. Ah, bei tempi quelli… quando la cosa brown più tecnologica di cui disponeva era un Real Time Clock interno grazie al quale il software verificava che la data del sistema non venisse manomessa, questo perché portando indietro l’orologio di sistema si sarebbe potuto usare il software senza pagare gli aggiornamenti, l’assistenza e le rate dei macchinari.

Il fattaccio avvenne sabato 1° gennaio 2000Read More